Tentò uccidere moglie, chiesti 12 anni

Tentò di uccidere la moglie (da cui era separato) e la figlia lasciando il gas aperto prima di uscire di casa. Questa l'accusa che il pm Nicoletta Quaglino contesta al torinese Carlo L. 47 anni, per il quale oggi ha chiesto 12 anni di carcere. L'episodio è del 9 novembre 2008, e si verificò in una villetta del circondario di Torino. Carlo L. disse che era entrato nella tavernetta al piano interrato all'insaputa della moglie, di essersi preparato un te' e di avere dimenticato di spegnere prima di andarsene. "L'imputato - ha affermato il pm Quaglino - è un tecnico di laboratorio e lavora in un ospedale. È uno che racconta di avere aggiustato il suo primo asciugacapelli a otto anni. Anche se smentisce, è stato sentito dire 'piuttosto che lasciarle la casa, faccio saltare tutto per aria'". La difesa parla di "reato impossibile", ma il pm è del parere che la condotta di Carlo fosse "idonea" a provocare un'esplosione o una morte per asfissia da metano.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sei nuovi avvisi di garanzia per l'inchiesta sui conti del Salone del Libro. Coinvolti dirigenti di Comune e Regione
    Quotidiano Piemontese
  2. Nuovi arrivi per la Fiat Torino: il centro Trevor Mbakwe e la guardia Andre Jones,
    Quotidiano Piemontese
  3. Uno sguardo al medio-lungo termine: dopo la parentesi fresca, torna minaccioso l'anticiclone africano!
    Eco del Chisone
  4. Torino-Lione, prima riunione in Regione del tavolo tecnico
    Torino Oggi.it
  5. Radicali di nuovo in strada a raccogliere firme sulla proposta di legge popolare Ero Straniero
    Torino Oggi.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Torino

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...